Arrampicata sportiva

La roccia di Sicilia esercita una speciale attrattiva per gli arrampicatori di ogni dove. In ogni stagione dell’anno è possibile trovare una parete attrezzata con la giusta esposizione per poter arrampicare e godere di roccia e vista mozzafiato, in questo angolo “di roccia e di sole” nel Mediterraneo.

Il luogo con la concentrazione maggiore di vie con diversa esposizione e grado di difficoltà, dove dunque è possibile arrampicare lungo tutto l’anno, é certamente San Vito Lo Capo. Da quattro anni, inoltre, questo comune ospita un festival di arrampicata sportiva durante il mese di ottobre.

In territorio di Custonaci, comune limitrofo a quello di San Vito Lo Capo, vi sono altre pareti attrezzate che permettono di variegare le possibilità di arrampicata nel corso dei mesi autunnali, invernali e primaverili.

Anche in provincia di Palermo non mancano i massicci rocciosi per gli arrampicatori, luoghi più o meno tranquilli e isolati, dalle varie esposizioni e livelli di difficoltà.

Immersioni subaquee

La frastagliata costa che da Castellammare del Golfo raggiunge Bonagia (Custonaci), oltre alle innumerevoli baie e calette, offre splendidi luoghi per immersioni.

Grotte con accessi più o meno profondi danno riparo a miriadi di pesci e crostacei e a formazioni coralline variopinte. Pareti scoscese dai mille anfratti fanno da sfondo a pesci variopinti che passeggiano a tutte le profondità. Vi sono anche alcuni relitti, a profondità piuttosto impegnative, residui di affondamenti della seconda guerra mondiale, interessanti per la loro posizione e per la ittiofauna che albergano.

Di particolare rilievo per le immersioni subacquee sono, ovviamente, le coste prospicienti le due riserve naturali orientate, Zingaro e Monte Cofano, mentre un po’ più lontane ma ugualmente spettacolari sono le isole Egadi ed Ustica.

Numerose sono le possibilità di escursioni con immersione, di diversa durata e difficoltà, e non mancano certo i centri attrezzati per l’accompagnamento ed il noleggio dell’attrezzatura, oltre che per l’ottenimento dei brevetti necessari per cimentarsi in esperienze di questo genere.

Grotte e speleologia

Il locale gruppo del C.A.I. (di Castellammare del Golfo) si occupa anche della sezione speleologia, guidando all’interno di complessi di grotte e passaggi, pozzi e cunicoli. Di varie difficoltà ed impegno, anche in questo caso si va dalle uscite molto impegnative per soli esperti a quelle semplici aperte ai più.

Cicloturismo, Mountain-biking

La fitta rete di strade e vecchie carrabili che attraversano le province di Trapani e Palermo derivano dalla natura prettamente agricola del territorio e dell’economia locale. La fitta coltivazione di tutte le terre disponibili determinò la necessità di raggiungere ogni singolo appezzamento con un qualche mezzo (fosse anche l’asino, il mulo o a piedi), cosa che oggi si traduce nel poter girovagare tra i paesi seguendo questi percorsi assolutamente spettacolari per il pacato incedere in sella ad una bicicletta.

In alcune riserve naturali ed in alcuni parchi, inoltre, vi sono percorsi e sentieri fruibili in mountain bike, offrendo così numerose possibilità a chi pratica tale sport o ne fa una forma di turismo.

Parapendio

Nonostante sul nostro territorio frastagliato e ondulato non abbondino alte montagne, vi sono alcuni luoghi ed alcune pareti particolarmente suggestive da cui è possibile effettuare lanci.

In particolare, il territorio di San Vito Lo Capo, con le sue pareti di roccia ed i suoi massicci affioranti, offre alcuni dei lanci più panoramici della zona.

Per praticare questo sport, o anche solo per incrociare gli uccelli nel loro ambiente provando un lancio, è possibile contattare degli istruttori locali forniti delle attrezzature necessarie.

Windsurf, Surf, Kitsurf

Se il vento non può mai mancare su questa punta di isola che si addentra nel Mediterraneo e da cui è bagnata su tre lati, alcuni punti sono così battuti da essere diventati zone privilegiate per il windsurf ed il kaitsurf.

Basti vedere le vele sfrecciare tra le onde del mare aperto di Puzziteddu o tra lo sfolgorio delle saline allo Stagnone di Marsala, dove le onde non esistono ma il vento soffia costante.

Vari centri specializzati offrono corsi e servizi di assistenza e di noleggio di attrezzatura nelle località più interessanti e battute dal vento.

Catamarano

Le calme e calde acque dello Stagnone di Marsala, scintillanti anche per la lunga distesa di saline che lo costeggiano, é quasi costantemente battuto dai venti, trovandosi all’estremità occidentale della Sicilia. E’ un luogo ideale per le uscite in catamarano!

Lungo la strada litoranea è possibile noleggiare piccoli catamarani per cimentarsi e destreggiarsi in questo luogo tranquillo e protetto. Ma è anche possibile trovare chi organizza escursioni in catamarano alla scoperta degli angoli più nascosti dello Stagnone e delle isolette che vi si affacciano.

e ovviamente Trekking

La quantità di aree protette che si intrecciano nel trapanese e palermitano permettono di praticare il trekking durante tutto l’anno, spaziando dalla costa agli interni aridi o boscosi. Ogni stagione regala al camminatore colori, profumi e visioni delle più diverse, offrendo percorsi di vario impegno e durata.

Poiché siamo ancora lontani dall’avere un territorio omogeneamente tracciato e pensato per fornire un servizio congruo al camminatore, i trekking di più giorni consecutivi vanno studiati e pianificati dettagliatamente, specialmente qualora si vogliano percorrere alcune delle zone poco abitate.